amarcord.amicinellarte.it
English Version Versione in Italiano 
Visitatori: 5.471.191
Mercoledì, 16 Ottobre 2019


PRIMO PIANO

SOCI

GALLERIE PERSONALI

CALENDARIO

PRESS ROOM

LINKS

LOGIN
Ricorda Login 

CERCA NEL SITO

Ricerca avanzata > 



HUMOR'S CORNER

SEGNALA UN EVENTO

IN EVIDENZA


ISCRIVITI AL SITO

COME ASSOCIARSI

*PAYPAL*

CERCO / OFFRO

PRIVACY

AGGIORNAMENTO
15 Settembre 2017





PERSONAGGI

« precsucc »

Riccardo Licata
Addio a Riccardo Licata, maestro del mosaico
È morto il 19.02.2014 a Venezia Riccardo Licata, artista di origini torinesi. Licata, che aveva 84 anni, si era trasferito a Venezia nel 1946 e nel '57 era andato a Parigi quale assistente di Gino Severini nella scuola di mosaico.

clic per ingrandire

clic per ingrandire
Due immagini che ritraggono il Maestro Riccardo Licata
con il gallerista Pierluigi Luise durante i preparativi
della mostra
“Opera Prima”
Sullo sfondo un'opera di grandi dimensioni del Maestro.

Salutiamo il Maestro Riccardo Licata con le parole di Pierluigi Luise, titolare della galleria d'arte “GroundZero ArtGallery” da un post di Facebook del 20 febbraio 2014:

“Con profondo dolore annuncio che si è spento il Maestro Licata, un grande amico, non posso che ricordare l’ultimo incontro con lui nel suo studio, la sua voglia di comunicare di creare. Grazie Maestro per avermi arricchito profondamente, non ti scorderò mai. Per me è un grande onore essere stato l’ultimo ad esporre le tue opere. Come è strana la vita: ho istallato la tua ultima mostra, tu non ci sei più, ma sei ancora vivo nei tuoi quadri esposti a palazzo Oddo . Grazie Maestro.”

 

Biografia


Riccardo Licata nasce a Torino il 20 dicembre del 1929. Dopo una breve parentesi parigina la sua famiglia si trasferisce a Roma dove vive dal 1935 al 1945. Nel 1946 si trasferisce con la madre a Venezia. Nel 1947, dopo aver visto alcuni suoi disegni, Giuseppe Mazzariol lo convince ad iscriversi al Liceo Artistico dove è allievo di Luciano Gasperi e Mario De Luigi.

L'architetto Antonio Salvatori lo avvicina alla cultura artistica della Bauhaus, mentre il pittore Romualdo Scarpa lo inizia all’arte del mosaico in una esperienza che si rivelerà decisiva per il suo futuro. Nel 1948 visita ripetutamente la Biennale Internazionale di Venezia, la prima dopo la Liberazione, dove “scopre” la collezione di Peggy Guggenheim (in particolare le opere di Jackson Pollock) e conosce gli artisti del Fronte Nuovo delle Arti (Santomaso, Birolli, Pizzinato, Vedova, Guttuso, Turcato, Viani ecc.), animatori del dibattito sul rinnovamento dell'arte italiana nel dopoguerra.
Nel 1950 si iscrive all'Accademia di Belle Arti di Venezia e partecipa alla Mostra Collettiva della Fondazione Bevilacqua La Masa. I più importanti critici d’arte veneziani del tempo (G.Mazzariol, G.Marchiori, U.Apollonio, S.Branzi, B.Morucchio e T.Toniato) si interessano al suo lavoro.
È presente alla Biennale di Venezia del 1952. Nel 1953 partecipa alla Triennale di Milano e vince il Primo Premio per l'incisione alla Biennale dei Giovani di Gorizia. L'anno successivo, espone ancora alla Biennale di Venezia. Incontra Gino Severini e nel 1955 partecipa alla Biennale di San Paulo del Brasile e vince il Primo Premio per la pittura alla Biennale dei Giovani di Gorizia. Nel 1956 è invitato alla Quadriennale di Roma, espone con una mostra personale di incisioni alla Biennale di Venezia e vince il Primo Premio della Fondazione Bevilacqua La Masa. L'anno successivo ottiene una borsa di studio e si trasferisce a Parigi come assistente di Gino Severini alla cattedra di mosaico.
Dal 1957 vive a Parigi (con frequenti e regolari soggiorni di lavoro anche a Venezia dove ha sempre conservato una casa studio) ed inizia a frequentare con assiduità gli ateliers di Stanley Hayter, Johnny Friedlaender ed Henri Goetz, oltre ad artisti e critici quali Matta, Brauner, Huntertwasser, Lebel, Jouffroy e gli italiani Tancredi e Mondino.
Nel 1962 la Scuola di Mosaico viene integrata all'interno dell'Accademia di Belle Arti di Parigi dove Licata è tuttora docente, mentre dal 1970 insegna tecniche incisorie sperimentali alla Scuola Internazionale di Grafica di Venezia. Nel 1963 ottiene il Premio Michetti e nel 1975 il Primo Premio alla Rassegna della grafica di Forlì. Licata ha partecipato successivamente alle edizioni della Biennale di Venezia del 1964, 1970 e 1972, alla Quadriennale di Roma, alle Biennali di Parigi, Alessandria d'Egitto, San Paulo del Brasile, ed alle più importanti Biennali internazionali di grafica (Lubiana, Tokio, Mulhouse, Cracovia, Reikiavik, Berlino ecc.). Sue mostre personali sono state allestite nelle maggiori città italiane ed a Parigi, Helsinki, San Paulo del Brasile, Londra, Dublino, Malmoe, Mulhouse, Lilla, Poitiers, Auxerre, Rouen, Barcellona, Bruxelles, Nizza, Amterdam, Grenoble, Taipei, Gand, Stoccolma, Monaco... 

 

Sito ufficiale


www.riccardolicata.com »

Opera Prima - Il catalogo con le pagine dedicate al Maestro »


« precsucc »


versione senza grafica
versione pdf

 





Copyright © Pascal McLee 2000-2017. All Rights Reserved.
Amici nell Arte noprofit - C.F. 90034540097
Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni