amarcord.amicinellarte.it
English Version Versione in Italiano 
Visitatori: 5.659.475
Sabato, 4 Aprile 2020


PRIMO PIANO

SOCI

GALLERIE PERSONALI

CALENDARIO

PRESS ROOM

LINKS

LOGIN
Ricorda Login 

CERCA NEL SITO

Ricerca avanzata > 



HUMOR'S CORNER

SEGNALA UN EVENTO

IN EVIDENZA


ISCRIVITI AL SITO

COME ASSOCIARSI

*PAYPAL*

CERCO / OFFRO

PRIVACY

AGGIORNAMENTO
15 Settembre 2017





EVENTI
2010

Ginevra-Arte&Musica - 10ª edizione - il progetto


Rassegna internazionale d'Arte Contemporanea

Madre Terra

Terra Madre
Impronte preistoriche nella "Cueva de las Manos" (Argentina) e "Venere fittile" di Willendorf (Austria)

logo del Circolo

 Progetto

1. Denominazione

La mostra d’arte contemporanea nel 2010 avrà come titolo “Madre Terra”. La sua ampiezza lascerà agli artisti la possibilità di spaziare in una grande rosa di contenuti.

2. Luogo e data di realizzazione

Garlenda (SV) – Castello Costa-Del Carretto – 31 luglio / 29 agosto 2010

3. Obiettivi

Mediante l’arte e la cultura, svolgere un’azione educativa nel tessuto sociale, coinvolgendo il più possibile i giovani, artefici della società futura, nel:

  1. recupero e diffusione di pratiche positive e rispettose nei confronti della “Madre Terra” imparando a rispettare l’ambiente in tutti i suoi aspetti;
  2. contrastare lo sfruttamento indiscriminato delle risorse della natura, recuperando “colture” e “culture” ormai abbandonate, in modo che la globalizzazione sia finalizzata all’evidenziazione ed alla valorizzazione della “diversità” e non alla sua distruzione;
  3. contribuire a combattere le varie forme di inquinamento che stanno profondamente modificando le condizioni ambientali e vitali sul pianeta;
  4. portare i giovani a diretto contatto con la terra mediante attività manipolative concrete di tipo artigianale e artistico;
  5. diffondere l’interesse e l’amore per l’Arte e la Cultura in un’epoca come quella attuale, caratterizzata dal consumismo e dalla superficialità divulgate dai mass-media;
  6. promuovere il percorso individuale alla conoscenza del “sé”, riscoprendo autostima ed energie interiori, dal momento che la vita frenetica della nostra civiltà tecnologica si ripercuote sulla psiche umana, generando quelle che sono state definite le “malattie del Secolo”, quali ansia, stress e depressione;
  7. aggiungere un’iniziativa di importante valenza culturale a quelle già presenti in campo turistico nel nostro territorio, sia a livello comunale e comprensoriale, sia a quello provinciale e regionale, mediante un’iniziativa culturale di alto livello qualitativo.

4. Contenuti

La “Madre Terra” è un archetipo presente in tutte le culture del pianeta, fin dai tempi più remoti e rappresenta per tutta l’umanità il simbolo della fertilità, della prosperità, dell’amore e del perpetuarsi del ciclo vitale.

Fin dai tempi preistorici l’uomo ne ha rappresentato le sembianze in amuleti, statue, graffiti… cercando di godere dei suoi “doni” benefici. Oggi invece le emergenze planetarie conseguenti al dissennato utilizzo delle risorse naturali rendono essenziali ed urgenti una serie di provvedimenti che tutelino il nostro pianeta e noi stessi dalla distruzione totale.

Occorre tornare al recupero ed alla diffusione di pratiche positive e rispettose nei confronti della “Madre Terra” imparando a rispettare l’Ambiente in tutti i suoi aspetti, recuperando “colture” e “culture” ormai abbandonate, in modo che la globalizzazione sia finalizzata all’evidenziazione ed alla valorizzazione della “diversità” e non alla sua distruzione.

Come dice Carlo Petrini “Uomini e donne che nelle loro terra ancora resistono all’incalzare di una delittuosa politica di sfruttamento esasperato e devastante dei suoli fertili, unica risorsa per il cibo di tutti i popoli. Una testimonianza eroica di eterna e leale alleanza con la natura e i suoi frutti. Un’alleanza che non ha barriere di lingue, divisioni di ideologie e religioni, né confini di Stati” … “E noi cittadini metropolitani, che viviamo inscatolati nelle nostre città, senza più i colori e i profumi delle stagioni forse, in un giorno molto prossimo, se ci capiterà di passare accanto a un orto dove un nonno e una piccola bimba colgono i frutti maturi, allora potremo ancora riconoscere la vera casa dell’uomo.”

La mostra in oggetto si propone di diffondere tali finalità nel tessuto sociale, coinvolgendo il più possibile i giovani, artefici della società futura.

5. Destinatari

  • giovani dalle Scuole dell’Infanzia all’Università;
  • adulti e anziani di qualsiasi estrazione culturale;
  • portatori di handicap e individui disagiati;
  • turisti italiani e stranieri soggiornanti nella nostra Regione;
  • agenzie turistiche e di viaggio;
  • Uffici di Informazioni Turistiche;
  • esperti d’arte, galleristi e collezionisti;
  • giornalisti, addetti stampa, comunicatori e operatori dell’informazione, pubblicitari;
  • fotografi, editori, imprenditori;
  • dirigenti d’azienda, amministratori pubblici e privati, politici;
  • mondo dell’associazionismo;
  • estimatori ed “amici” dell’Arte in tutte le sue forme…

6. Modalità di realizzazione

La sede principale di realizzazione del progetto sarà il Castello Costa-Del Carretto ed i suoi annessi.

Arte
Una Commissione di critici d’arte ed operatori del settore selezioneranno i progetti presentati dagli artisti partecipanti e coordinerà il lavoro, in modo da garantire un buon livello qualitativo.
Le varie “stanze” del Castello Costa-Del Carretto di Garlenda ospiteranno le opere elaborate dagli artisti, abbinati a due a due secondo criteri di scelta personale o su suggerimento da parte dei curatori, e potranno consistere in installazioni, opere pittoriche, sculture, ceramiche, fotografie, video-art…
Come gli anni scorsi, in collaborazione con alcune Gallerie d’Arte, saranno ospitate opere di grandi Maestri inerenti al tema, in modo da permettere al pubblico la visione di artisti di rinomanza mondiale.
Come di consueto sarà stampato un consistente catalogo a colori e sarà data la massima diffusione all’evento mediante il supporto dei vari “media”.
Non si prevede bigliettazione, in quanto tutte le iniziative del Circolo sono a titolo gratuito.

Cultura
Nei mesi precedenti la mostra, saranno organizzate una serie di conferenze sul tema con la partecipazione di noti professori, filosofi, critici d’arte e giornalisti, al fine di approfondire l’argomento ed agevolare la creatività dei partecipanti. Le conferenze saranno tenute nel salone del Castello ed avranno come relatori Jerry Delfino (letterato), Franco Gallea (letterato), Silvia Bottaro (critico-storico dell’arte), Felice Della Valle (filosofo) Simone Delfino (letterato), Patrizia Valdiserra (critico d’arte-scrittrice), Patrizia Mantegazza (musicista).

Land Art
Negli spazi aperti della sede espositiva sarà realizzata, come in passato per “Metamorfosi”, “Labirinti”,“Ænigma” ed “Orizzonti”, un’installazione di Land Art in simbiosi con la fisionomia del territorio, con la sua storia e con le problematiche suggerite dal tema.

Raku
Una delle serate intermedie del periodo espositivo vedrà come protagonista la ceramica Raku, l’antica tecnica della produzione ceramica nata in Giappone nel XVI secolo.
“Gioire il giorno” è il significato della parola Raku. “Gioire il giorno”, vivere in armonia con le cose e con gli uomini… e questo implica una partecipazione passionale agli eventi che la tecnica del Raku realizza. Infatti come nell’esistere quotidiano gli elementi si incontrano e si armonizzano attraverso un iter tormentato.
La terra incontra il fuoco, e successivamente l’aria e l’acqua e questi violenti shock termici si concretizzano in risultati cromatici, imprevedibili e pieni di vitalità e poesia.
Sotto la guida dei ceramisti del Circolo il pubblico presente sarà condotto a realizzare oggetti in argilla, che saranno cotti nell’apposito forno, secondo la tecnica Raku.
A termine della serata ognuno potrà portare a casa non solo il suo pezzo, ma anche la consapevolezza di aver scoperto un altro dono della “Madre Terra”.

Poesia, Prosa e Danza
Iniziative collaterali di tali discipline saranno organizzate durante il periodo espositivo così da completare lo sviluppo del tema prefissato, secondo molteplici visioni artistiche.

Scuole
Poiché il miglioramento sociale non può che iniziare dai giovani, che costituiranno la società del domani, sarà proseguita e potenziata la collaborazione del Circolo con le Scuole, a cominciare da quella di Garlenda, con la quale già in passato si è attivamente operato.
Da anni la Scuola di Garlenda conduce una approfondita educazione ambientale sul riciclo ed il recupero dei materiali e sul rispetto della natura, per cui si potrà integrare tale programma con laboratori sull’uso artistico della terra come medium pittorico e manipolativo.

7. Risorse umane e strumentazioni utilizzate per la realizzazione dell'iniziativa

Le risorse umane impiegate per la realizzazione del progetto in esame saranno le seguenti:
ideatori del progetto, artisti, attori, critici d’arte, galleristi, traduttori, tipografi, esperti web, grafici, tecnici del suono, giornalisti, cameramen ed addetti alla logistica, studenti e docenti.

La strumentazione da utilizzare allo scopo si comporrà di:
computers, macchine fotografiche digitali, videocamere, videoproiettori, microfoni, impianto voce e hifi, impianto luci, maxischermo, tv e telecamere, oltre che arnesi artigianali per la manipolazione della terra.

8. Eventuale continuità dell’iniziativa

Si prevede la possibilità di presentare la Mostra in altre strutture analoghe, quali ad esempio il Piemonte e la Sicilia, ed all’estero, allo scopo di diffondere le finalità prefissate effettuando scambi interculturali.

Il Presidente
Carmen Spigno

data edizione progetto:  28 novembre 2009


“Madre Terra”
rientra nell'ambito del progetto artistico-culturale a sviluppo pluriennale
“Ginevra-Arte&Musica”
a cura del Circolo Artistico
“Amici nell'Arte” © 2001-2010
noprofit di Garlenda


Links correlati


Documenti allegati

 Progetto Artistico-Culturale [PDF]
 Regolamento [PDF]
 Modulo Partecipazione [PDF]

 

« PrecSucc »


versione senza grafica
versione pdf





Copyright © Pascal McLee 2000-2017. All Rights Reserved.
Amici nell Arte noprofit - C.F. 90034540097
Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni