amarcord.amicinellarte.it
English Version Versione in Italiano 
Visitatori: 5.244.660
Giovedì, 13 Dicembre 2018


PRIMO PIANO

SOCI

GALLERIE PERSONALI

CALENDARIO

PRESS ROOM

LINKS

LOGIN
Ricorda Login 

CERCA NEL SITO

Ricerca avanzata > 



HUMOR'S CORNER

SEGNALA UN EVENTO

IN EVIDENZA


ISCRIVITI AL SITO

COME ASSOCIARSI

*PAYPAL*

CERCO / OFFRO

PRIVACY

AGGIORNAMENTO
15 Settembre 2017





PERSONAGGI

« precsucc »

Osvaldo Cavandoli
disegnatore - fumettista
Sabato 3 marzo 2007 è scomparso Osvaldo Cavandoli, l’autore di "La Linea".

Vorrei dirgli un grazie per avermi fatto vedere i cartoni, e di riflesso anche i fumetti, con un occhio diverso.

La Linea
di Osvaldo Cavandoli

 il maestro Osvaldo Cavandoli

I più giovani non conosceranno La Linea. Ed io aggiungo: purtroppo. L'omino strampalato che interagisce con il suo disegnatore nasce verso la fine degli anni '60 dalla mente di Osvaldo Cavandoli e verrà poi ripreso dalla Lagostina per pubblicizzare nel Carosello il suo marchio.

La Linea parlava con la "voce" di Giancarlo Bonomi che bofonchiava con dei suoni onomatopeici simpaticissimi che l'hanno resa indimenticabile.

Nel 1972 La Linea diventò una serie di strisce a fumetti di grande successo. I corti realizzati sono vere e proprie opere d'arte e sono degne di un posto nell'"Olimpo" del cortometraggio, al pari di altri personaggi di culto.

La Linea - 1
tratto da YouTube.com

altri filmati su YouTube.com relativi a La Linea »

Osvaldo Cavandoli
...se n’è appena andato lasciandoci molti personaggi animati indelebili nel ricordo, il più famoso l’omino, La Linea, protagonista non solo dei caroselli della Lagostina negli anni ’60, ma anche di molti corti animati famosi nel mondo. Un poco isolato in Italia, forse proprio per la forte identificazione tra il suo personaggio e il prodotto che pubblicizzava, che certamente l’ha penalizzato, ma amato nel mondo (tanto che i DVD de La Linea, mai pubblicati in Italia, sono facilmente reperibili nel resto dell’Europa), Osvaldo Cavandoli rischia di essere uno tra i tanti artisti italiani dimenticati in patria e celebrati all’estero. Nato a Maderno, sul lago di Garda, nel 1920, Cavandoli è stato uno dei massimi rappresentanti del nostro cinema d'animazione.

Ben presto si trasferisce a Milano, sua definitiva città d'adozione. Dopo aver frequentato il ginnasio, si iscrive ad una scuola di avviamento professionale, però il matrimonio fra Cavandoli e lo studio proprio non funziona e così lui inizia a lavorare, appena diciottenne, come disegnatore tecnico dell'Alfa Romeo. Influenzato da questa esperienza, ancora oggi continua a disegnare e progettare sia macchine da presa che attrezzature per la produzione dei film.

Dopo l'esperienza all'Alfa Romeo, Cavandoli va a lavorare, sempre come disegnatore meccanico, alla Cemsa di Saronno, un'industria bellica. Questi sono gli anni difficili della guerra, e Osvaldo Cavandoli, nel '43, viene portato in Germania dai tedeschi. Nel frattempo in Italia appaiono alcuni suoi disegni di satira politica. A 23 anni legge un'inserzione di Nino e Toni Pagot che cercano disegnatori per un nuovo cartone animato: inizia così a lavorare come intercalatore presso lo studio Pagot, animando "Lalla ed il funghetto" ed "I fratelli Dinamite". Inizia qui la sua gavetta, che lo condurrà in seguito all'animazione vera e propria.

Alla fine della guerra lo studio Pagot cessa di esistere e Cava, insieme ad un collega, crea la Pubblifilm, ma il progetto si rivela un fiasco. Agli inizi degli anni '50, ricava in uno scantinato uno spartano studio di produzione: è qui che prende vita Pupilandia, produzione con pupazzi animati. Negli anni seguenti verrano realizzati, con questa stessa tecnica, circa una ventina di filmati.

Cavandoli, ormai artista maturo, nato con l'umorismo nel sangue, vive e si comporta da umorista, fondendo esperienza e creatività. Nel 1968 la sua matita partorisce la La Linea, il suo personaggio più famoso che una trentina d'anni fa fu destinato alla pubblicità della "Lagostina", ma che poi ha assunto una sua autonomia divenendo cortometraggio, con notevole successo, in Italia e all'estero.


« precsucc »


versione senza grafica
versione pdf

 





Copyright © Pascal McLee 2000-2017. All Rights Reserved.
Amici nell Arte noprofit - C.F. 90034540097
Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni